Docs Italia beta

Benefici e Funzionalità per la PA

Il DAF fornisce un sistema di big data management e strumenti di analisi e utilizzo dei dati in modalità SaaS/PaaS, con l’obiettivo di sgravare il più possibile le PA da attività di gestione operativa e tecnica. Inoltre, esse avranno accesso al team di data scientist e data engineer che supporterà le PA nell’utilizzo delle funzionalità del DAF, e potrà prendere in carico richieste di analisi e sviluppo specifiche, da valutare caso per caso.

Il DAF mette a disposizione di ciascuna PA aderente:

  • un insieme di tool per l’analisi e l’elaborazione dei dati presenti nel DAF che sfruttano le capacità di gestione ed elaborazione di big data, tra cui:

  • Un tool per generare dashboard e report.

  • Un notebook per effettuare analisi sui dati presenti nel DAF a cui l’utente ha accesso.

  • L’accesso a un insieme di dati utili per l’elaborazione di analytics. Di seguito, un elenco non esaustivo dei dati che a tendere saranno presenti nel DAF:

    • Dati delle basi di dati d’interesse nazionale: basi di dati autoritative rispetto alle “entità” che gestiscono (ad es. ANPR è autoritativa per l’”entità” residente). Nel DAF è possibile trovare una copia sempre aggiornata dei dati in esse contenute, fatte salve le eccezioni di norme e regolamenti, e in accordo con il Garante per la Privacy.
    • Dati delle PA: le PA sincronizzeranno (cfr. Piano triennale) una copia dei dati utili a svolgere il proprio mandato istituzionale nonché i dati generati dai propri sistemi informatici (es. log). Tali dati sono accessibili da parte di tutte le PA, ad eccezione di quei dati sui cui vigono norme in materia di protezione dei dati personali.
    • Open data standard: il DAF promuove la creazione di standard per la diffusione di open-data su temi di diffuso interesse pubblico (es. Mobilità, trasporti, turismo, eventi, ecc.). Grazie a tali standard un dataset può essere popolato in modo collaborativo da più PA.
    • Dati di interesse pubblico di terze parti: il DAF raccoglie e mette a disposizione di tutte le PA dati di terze parti di potenziale interesse pubblico (es. dati provenienti dai social networks, dati forniti da aziende, ecc.).
  • un servizio di pubblicazione di open-data di qualità: poiché il DAF ospita copie aggiornate dei dati presenti nelle basi di dati delle PA, ciascuna PA può decidere di abilitare un servizio per la pubblicazione dei propri open-data direttamente tramite apposite API esposte dal DAF.

  • un insieme di data application che implementano casi d’uso di interesse per interi cluster di PA (es. Monitoraggio incidenti stradali e individuazione zone a rischio, Servizio per la verifica della qualità delle informazioni contenuti nelle basi di dati della PA, previsionali per i comuni, sentiment analysis, ecc.).

  • servizi di accesso a best effort di eventi real-time (egestion) su flussi, eventualmente arricchiti e/o normalizzati, di dati veicolati verso il DAF e potenzialmente utili per la realizzazione di servizi non critici.

Oltre a quanto messo a disposizione dalla piattaforma, attraverso il team di data scientist, il DAF offre un supporto alle PA per la costruzione di modelli di interconnessione delle diverse sorgenti dati, l’analisi dei dati, lo sviluppo di modelli di machine learning, il coordinamento dello sviluppo di data application e l’organizzazione di “competizioni” scientifiche su tematiche di interesse per la PA.

torna all'inizio dei contenuti